Las Vegas Rams Preview 2019

Con la sua solita tagliente ironia, ecco il ritorno di Gianca che, a breve, pubblicherà anche una preview “seria” sulla stagione 2016 dei Rams. Essendo stato ad Irvine ad assistere di persona al training camp, non aspettiamo altro che leggere le sue impressioni.
Jeff Fisher l’ha garantito: il 2019 sarà l’anno dei Rams!
Dopo quattro anni di prime scelte assolute, dopo la chiamata di Josh Rosen nel 2017, dopo quella di Jake Browning nel 2018, la scelta – quest’anno – di Neuheisel, da UCLA, ci porterà finalmente un quarterback davvero pronto per la NFL. Anche perché Fisher, più scaltro di un cerbiatto, pensa di schierare in campo il padre Rick, e mantenere il giovane Jerry con uno straccio in testa sulla sideline.
Nella off season – intanto – aveva fatto già grande scalpore la oculatissima trade, che ai Rams porterà certamente grande lustro, cioè la cessione ai New England Patriots di un ormai inutile Todd Gurley (che si era tagliato le treccine…), per l’indimenticato condottiero delle prime 4 giornate del 2016, il grande QB Jimmy Garoppolo.
Così, aggiungendolo all’acquisizione dello scorso anno di RGIII, che ci eravamo inopinatamente fatti scappare, al ritorno del mai dimenticato Sam Bradford, al furto agli odiati Niners dell’amatissimo Colin Kapernick, e alla conferma di Tim Tebow e Drew Hanson (anche se questi due sarano a mezzo servizio almeno fino a ottobre perché giocano anche a baseball), siamo arrivati a 10 Quarterback a roster. Ci basta un centro qualsiasi per avere l’attacco più effervescente di sempre! Anche perché l’intera linea d’attacco verrà sostituita con portieri d’albergo in alamari e tuba.
Da lì l’altra idea geniale di trasferire la franchigia a Las Vegas.

La difesa? Ma la difesa a cosa serve? I fotografi schiacciano ritratti solo nella parte del campo occupata dall’attacco.
E poi il Superbowl si giocherà nel nuovo stadio appena costruito da Stan Kroenke sotto la piscina dell’hotel Bellagio.
I contender: ma i Miami Dolphins o i redivivi Miami Sharks, del nuovo proprietario Oliver Stone, che con gli introiti del merchandising di Any given sunday si è potuto permettere l’acquisto.
Favoriti i Rams – però – perché il commisioner ha garantito che la crew arbitrale sarà scelta dalle lettrici di Vanity Fair… e più belli dei nostri quarterback!
Vi ricordate come era andata nel 2016?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *