Scongiurato ogni pericolo per Dane Looker

Gli esami approfonditi che erano stati prescritti a Dane Looker dopo il trauma cranico subito nella partita con Buffalo, hanno dato esito sostanzialmente negativo. Le analisi a seguito dell’infortunio avevano evidenziato una possibile anomalia che necessitava di essere approfondita, poichè i dottori temevano la presenza di un aneurisma, il che avrebbe significato ovviamente la fine della carriera per Looker, ma anche l’inzio di una lunga serie di cure.
Una TAC più approfondita eseguita ed analizzata dal dottor Ralph Dacey del Barnes-Jewish West Hospital ha evidenziato una dolico ectasia ad un’arteria cerebrale, cioè un’arteria più lunga e larga del normale, tanto da farla somigliare ad un aneurisma.
La diagnosi ha tranquillizzato molto Looker, anche perchè pur trattandosi di una cosa da tenere sotto osservazione costantemente, e che lo costringera’ ad effettuare due risonanze l’anno per monitorarne le condizioni, non è una deformazione che possa essere considerata “pericolosa” e che non preclude il proseguio dell’attività sportiva.
Si tratta di una malformazione piuttosto rara, con meno di 150 casi in tutto il mondo, ma pur con una ridotta bibliografia sull’argomento, non vi sono elementi che possano classificarla come malformazione pericolosa o mortale.
Con questa diagnosi Looker ha ricevuto l’OK per rientrare in squadra, ma il ritorno a Rams Park è stato piuttosto amaro. Dopo aver lottato con le unghie e con i denti per non essere messo in injured reserve, che avrebbe significato la fine della stagione, Looker si ritrova ad essere il sesto ricevitore (ricordiamo che aveva iniziato da starter con Holt la partita con i Bills in cui si infortunò), e non ha nascosto certo il malumore causato da questa repentina retrocessione addirittura dietro a Derek Stanley.
Come al solito, toccherà impegnarsi il doppio degli altri per riconquistare il posto, ma non è una novità per Looker, che è dato tra i sicuri tagliati ad ogni santo training camp ogni santa stagione, e poi finisce per essere sempre a roster.
In bocca al lupo Dane!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *